Jump to content
Sign in to follow this  
You need to play a total of 30 battles to post in this section.
Blizzard____

Recensione nave premium, Duca degli Abruzzi.

4 comments in this topic

Recommended Posts

Community Contributor
813 posts
4,847 battles

Eccoci qui con la terza recensione; ho lasciato per ultimo quello che sicuramente è il più atteso del filotto premium in arrivo, ovvero l'incrociatore italiano Duca degli Abruzzi.

 

Questa nave è realmente esistita e si trattava dell'ultima evoluzione della classe Condottieri; costruita all'interno dei cantieri di La Spezia, viene varata nel 1936 e resa operativa nel 1937.

Inizia la propria attività bellica nel 1939, quando facente parte di una squadra navale numerosa, prende posizione nel mare Adriatico per occupare l'Albania; è infatti durante questa operazione che spara le prime salve contro un bersaglio militare, ovvero la città di Durazzo, per aprire la strada alla truppe di sbarco.

In seguito entra a far parte dell'ottava squadra incrociatori, con base a Taranto, sotto il comando dell'ammiraglio Legnani; da li poco, prende parte a diverse operazioni, come la battaglia di Punta Stilo, l'operazione Hats e nel 1941 il disastroso scontro con la marina inglese a Capo Matapan. 

Nel settembre del medesimo anno, partecipo al tentativo d'ingaggio dell'operazione Halberd, ma non riusci ad impedire al convoglio britannico di giungere sano e salvo a Malta. Subisce i primi veri danni nel novembre del 41, quando scortando delle navi dirette in Libia, viene raggiunto da un siluro che lo costringe a rientrare a Taranto.

Passa gran parte del 1942 come nave di sorveglianza nel Mediterraneo orientale e torna a Genova in inverno per avviare una serie di ammodernamenti, tra i quali un radar di fabbricazione tedesca.

Infine, è spettatore durante l'ultimo viaggio della corazzata Roma, giungendo incolume nel porto alleato come secondo accordi.

La nave subisce una seconda serie di aggiornamenti nel 1951 e nella seconda parte degli anni 50 risulta l'unico vero incrociatore italiano in attività 365 giorni l'anno; nel 56 diventa nave ammiraglia della propria squadra e infine nel 1961 viene messo definitivamente in stato di disarmo. 

 

dislocamento: 11761 ton a pieno carico

dimensioni: 187 metri di lunghezza per 19 metri di larghezza

apparato macchine: 8 caldaie yarrow con 2 turboriduttori parsons per sviluppare 100.000 cv

velocità massima: 34 nodi

armamento: 10 cannoni ansaldo da 152mm, 8 cannoni ansaldo da 100mm, 8 mitragliatrici breda da 37mm, 12 mitragliere breda da 13.2mm, 2 lanciabombe di profondità e 6 tubi lanciasiluri da 533mm.

 

hqdefault.jpg.453409b9e1c81a92f5495fd4194387cd.jpg

 

 

statistiche della nave in gioco:

 

- hp: 32.500

- armatura: da 16 a 30mm

- armamento principale: 10 cannoni da 152mm

- proiettili HE: danno 2100, velocità 995ms, capacità d'incendio 7%

- proiettili AP: danno 3100, velocità 910ms

- caricamento cannoni principali: 7.5 sec

- brandeggio cannoni: 25,7 sec

- dispersione: 136 m

- sigma: 2.0

- raggio di fuoco: 15.1 km

- siluri: 2 lanciatori da 3, con siluri da 533mm, danno max 13367, raggio 12km, caricamento 71 sec, velocità 51 nodi, avvistamento siluro 1 km.

- armamento AA: 4x2 20mm da 13.6 dps per 2km, 2x1 20mm da 4.6 dps per 2km, 4x2 37mm da 46.4 dps per 3.5km, 4x2 100mm da 26.4 dps per 4km.

- armamento secondario: 4x2 100mm fino a 4.5km con proiettili HE da 1500 danno, 10 colpi al minuto.

- velocità: 35 nodi

- manovrabilità: 680 metri di raggio virata, con 9 sec per ottenere la massima efficienza del timone.

- capacità stealth: 11.2 km via acqua, 7,7km via aria.

 

CONSUMABILI A DISPOSIZIONE:

- damage control party

- idroacustica

- defensive AA fire

- spotting aicraft scout

 

SKILL COMANDANTE CONSIGLIATE: http://shipcomrade.com/captcalc/1000000001000010000001100010000119

 

 

PUNTI DI FORZA:

- caricamento cannoni principali: il duca infatti è il terzo miglior cruiser tra gli 11 del tier 7 nel caricamento delle batterie principali; considerando la sua incredibile velocità di rilascio dei proiettili (910 ap e 995 he), questo vi permetterà di avere un discreto dps potenziale su bersaglio, un qualcosa di assolutamente decisivo se per esempio ingaggerete un cacciatorpediniere a breve distanza.

 

- brandeggio torri principali: con i suoi 25,7 sec il duca (come ho appunto consigliato nelle skill comandante) può giocare anche senza expert marksman, facendovi risparmiare 2 punti; tra le navi pari classe del suo tier solo atlanta e flint sono nettamente più veloci nel brandeggio dei cannoni. Giocando quindi in perenne movimento, riuscirete a restare sempre sul bersaglio diminuendo i tempi morti di rotazione senza poter aprire il fuoco.

 

- velocità: solamente lo shchors russo risulterà più veloce di voi al tier 7 (e di solo mezzo nodo), il duca infatti è un vero missile durante gli spostamenti e questo potrebbe risultare spesso cruciale nella caccia ai dd (non particolarmente veloci a questo tier) o per allontanarsi dalle grandi corazzate, dove al tier 7 solo le tedesche possono realmente impensierirvi sotto questo punto di vista.

 

- timone: esattamente come per il discorso "velocità", questa nave sembra eccellere nelle manovre e il timone nonostante impieghi ben 9 sec a raggiungere la massima efficienza, risponde pronto a ogni richiesta; una qualità da non trascurare considerando la lunghezza della nave e il fatto che sarete spesso sotto il fuoco dei grandi calibri.

 

- capacità stealth: questa nave è un vero e proprio incursore e tra i pari classe risulta il terzo incrociatore migliore del tier per invisibilità; un aspetto fondamentale da saper gestire, considerando che il duca non possiede un raggio di fuoco eccezionale.

 

 

PUNTI DEBOLI:

- raggio dei cannoni principali: eh si, è forse il suo difetto principale; con soli 15.1km di raggio, i 152mm ansaldo non permettono un efficace fuoco dalla distanza e in questa categoria il duca è una delle 3 peggiori navi del suo tier; credo che questo dipenda sensibilmente da un discorso di bilanciamento, perché se avessero concesso a questa nave un raggio di tiro simile ai russi, avremmo probabilmente rilasciato il cruiser più devastante del suo tier, dato che rateo di fuoco e velocità proiettili sono di altissima caratura e tra i top della categoria.

Usate con intelligenza il vostro aereo scout, perché risulterà l'unico modo per aumentare anche se di pochi secondi, il vostro raggio d'azione.

 

- danno proiettile: anche qui, sono stati piuttosto avari con la nave italiana; solo 3100 di ap e 2100 di he; numeri veramente bassi se confrontati con gli altri incrociatori del tier 7. Solo atlanta e flint possiedono proiettili più scarsi, ma parliamo anche di navi con meccaniche di gioco totalmente diverse.

 

- capacità d'incendio: solo il 7%, c'è poco da dire, è una percentuale veramente misera e che spero vadano a modificare in futuro.

 

- velocità dei siluri: in principio ero contento quando hanno concesso al duca ben 12km di autonomia ai siluri, ma quando mi sono reso conto dei 51 nodi di velocità ho subito cambiato idea; dovreste provare per capire quanto tempo serve effettivamente perché questi siluri vadano a bersaglio. Personalmente mi diverso spesso a spararli a caso vicino alle insenature, perché l'unico modo per colpire qualcosa è risultare dannatamente fortunati.

 

- AA: fortunatamente hanno concesso alla nave almeno il consumabile AA, perché senza il modulo l'aa è veramente mediocre e facilmente attaccabile dalle cv t7 e probabilmente anche tier 6.

 

 

CONSIDERAZIONI GENERALI:

 

- è forse la nave che ho giocato maggiormente in questi giorni e nonostante la sua indubbia bellezza,velocità e fascino italico, non sono riuscito a farmela piacere. Cosa vi posso dire, beh, giocando questa nave mi sono spesso sentito impotente durante la battaglia ed è una sensazione che ho provato poche volte in world of warships; ad esempio quando giocavo il primo furutaka (qualcuno magari lo ricorderà) oppure il pensacola vecchia versione. Il duca infatti è veramente ottimo in manovra, può evitare facilmente anche i siluri a breve distanza e nonostante un armatura che qualcuno potrebbe considerare scarsa, possiede la capacità d'incassare anche dei bei colpi uscendone in maniera dignitosa. Quello che manca è quasi totalmente l'apparato offensivo, come ad esempio il danno HE; capita infatti molto spesso di colpire dei target anche a 12-13km producendo un danno di 500hp o al massimo 900hp; qualcosa di assolutamente non trascurabile, considerando che come qualsiasi altro cruiser con binomio ap-he, fa dei secondi gran parte del suo apparato danno principale. La capacità d'incendio è scarsissima e può anche capitare di mettere a segno qualcosa come 100 colpi senza un incendio. Gli unici proiettili che sembrano funzionare discretamente sono gli AP, ma come ben sapete non capita spesso di affrontare avversari a 10-12km che mostrano il fianco per massimizzare i vostri danni. Risulterà utilissima l'idroacustica che vi permetterà di andare a caccia dei destroyer con ottimi risultati. Fondamentale è anche il modulo AA, senza il quale non riuscirete ad abbattere gli aeroplani appartenenti a portaerei del vostro medesimo tier.

Ho spesso sentito in giro frasi del tipo "è come il duca d'aosta ma di tier superiore", purtroppo mi sento di confermare tale esclamazione, perché esattamente come il suo predecessore, fa pochi danni con i proiettili HE ed eccelle in velocità e manovre, che però molto spesso passano in secondo piano e da sole non bastano per vincere uno scontro.

Di conseguenza non posso consigliarne l'acquisto, perché non lo reputo abbastanza competitivo come ad esempio un belfast, anch'esso premium cruiser tier 7.

Chi potrebbe acquistarlo? sicuramente un giocatore molto esperto, con un ottima mira (per massimizzare il danno ap) e con la consapevolezza di comprendere quando sparare e quando invece cambiare posizione per evitare di essere bersagliati e quindi facilmente affondati; diminuendo infatti il raggio di fuoco, aumentano le skill player richieste per risultare efficaci senza finire in fondo al mare.

 

0073-1024x909.jpg.d49ea67600be9aaac5d474e6b4f6330f.jpg

 

ci risentiamo questo fine settimana, con la recensione del nuovo incrociatore premium panasiatico HUANGHE.

 

 

 

 

  • Cool 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Players
138 posts
6,698 battles

Pensavo fosse un pó migliore ma pazienza... magari lo potenzieranno in futuro, sperando che ciò non scandalizzi nessuno. Grazie della recensione!

  • Cool 1

Share this post


Link to post
Share on other sites
Beta Tester
4,099 posts
732 battles

Non voglio assolutamente darmi delle pacche sulla spalla da solo (senza contare che altri ci sono arrivati molto prima di me), ma questo è il risultato di una nave che onestamente a questo Tier non ci dovrebbe stare, come era mia opinione.

Però hanno messo l'Aosta al 6, e quindi questo non ci poteva stare lì, dove sarebbe stato più a suo agio.

 

L'Abruzzi non è in grado, con i suoi buoni (ma non così come quelli dell'Aosta) AP da 152 mm, di ottenere risultati sullo stesso livello che l'Aosta può avere nelle mani di un buon giocatore, perché ovviamente gli incrociatori sono comparativamente meglio protetti. E a questo punto, gli HE veramente anemici fanno piangere, e i siluri sono uno scherzo; o incocci in uno che è veramente cieco, oppure non centrerai niente. La protezione, non essendovi nessun meccanismo che permetta neanche di avvicinarsi a quello che poteva essere l'efficacia teorica dello schema IRL, non compensa un bel niente.

 

Onestamente, non ha attrattive. Non voglio una nave dall'armamento iperpotente, capace di ridersene dei proiettili nemici, e che può sparire in uno sbuffo di fumo; ma così sembra decisamente underpowered...

  • Cool 2

Share this post


Link to post
Share on other sites
Sign in to follow this  

  • Recently Browsing   0 members

    No registered users viewing this page.

×